• Davvero mi serve un sito?
    Se ti stai chiedendo se ti serve un sito web e come potresti usarlo per il tuo lavoro è probabilmente perché stai cercando un modo di promuoverti, migliorare il rapporto con il tuo mercato e ottenere nuovi clienti.
  • Ma perché non basta Facebook??
    Un’altra cosa che ti stai probabilmente chiedendo è se devi impegnare il tuo tempo, le tue economie e la tua testa nel costruire o far costruire un sito web oppure puoi cavartela con uno o due profili social per comunicare efficacemente sul web.

Se prosegui la lettura potresti trovare risposte a queste domande e chiarire qualche dubbio a riguardo e procedere più consapevolmente verso una scelta definitiva. Usa l’indice, se vuoi, per leggere l’argomento che più ti interessa.

Buona lettura!

1) Un sito web serve a presentarti efficacemente

Foto scrivania con schermo di pc che mostra un sito professsionale

Il momento in cui acquisiamo un nuovo cliente è il culmine di un processo che ha visto quella persona cercare qualcosa, incontrare noi, conoscerci e decidere che siamo esattamente quel qualcosa che cercava (che momento meraviglioso!).

Dal momento in cui offriamo un servizio o un prodotto, non c’è dubbio che dovremmo fare in modo che le persone lo sappiano.
E come si fa?
Lo diciamo in giro e aspettiamo che funzioni?
Ci iscriviamo a degli elenchi di professionisti tipo pagine gialle?
Paghiamo spazi pubblicitari o distribuiamo volantini?
Urliamo per strada che esistiamo?

Una di queste cose funzionerebbe davvero?

I nostri clienti cercano soprattutto informazioni (su di noi)

Una volta, forse, bastava essere presenti sulle Pagine Gialle (te le ricordi, le Pagine Gialle?). Qualcuno aveva bisogno di noi e ci trovava sotto la categoria a cui apparteniamo.
I professionisti e i negozi erano meno, il mercato era soprattutto locale, la qualità dei servizi si equivaleva (più o meno) mentre adesso… è un gran casino.

Io stessa, cercando un qualunque servizio, difficilmente faccio scelte immediate. A volte c’è una discriminante geografica (posso scegliere un meccanico o una parrucchiera vicina a me) ma molto più spesso sono le informazioni che trovo online che guidano le mie decisioni.

Far sapere chi siamo, cosa facciamo, perché e per chi è diventato piuttosto importante per distinguerci.

Non è neanche una questione di dire che siamo più bravi degli altri, è piuttosto quella di dimostrare come, e quanto il nostro lavoro venga apprezzato da chi ci conosce già.

E uno dei mezzi migliori che abbiamo per mostrare tutto questo, facendo intanto familiarizzare con noi le persone e accogliendole nel nostro mondo, è il nostro sito web.

2) Un sito web può rappresentare la tua attività in modo fedele e convincente

La maggior parte delle persone che viene da me per un sito web, ahimè, non ha molte idee rispetto a ciò che si aspetta da esso. Ne vuole vedere qualche esempio e, senza starci troppo a pensare, scegliere quello che a naso gli piace di più.

Non ho ovviamente nulla in contrario a soddisfare i gusti estetici dei miei clienti ma vorrei farti notare che farsi fare un sito web non può essere come entrare in un grande magazzino, trovare un abito e portarselo a casa per metterselo in un paio di occasioni, fin quando ci va o ci piace.

Il nostro sito web ci deve assomigliare

Mi piace chiamarlo “ritratto digitale”.

Foto ragazzo sul divano che sorride mentre è al pc

Il sito web ti deve rappresentare (ovvero presentarsi al tuo posto). Il tuo sito deve parlare come parli tu e attrarre i clienti che siano adatti a te. Solo in questo modo puoi davvero essere sicura/o del fatto che chi ti raggiungerà dal web sarà in linea con la tua offerta.

Tanto più il tuo sito racconterà con autenticità chi sei e cosa fai, tanto più attirerà a sé l’attenzione della nostra clientela ideale (che poi sarebbe quel tipo di clientela che si fiderà di noi, apprezzerà il nostro servizio o prodotto e non si lamenterà se il costo non è il più basso del mercato).

E come si fa a costruire un sito web così speciale? Affidandosi a un professionista che ti ascolti, ti capisca, e interpreti il tuo messaggio trasformandolo in un sito unico, impossibile da confondere con altri.

Vuoi provare a costruire il tuo sito web con me?

3) Il sito web è il punto di riferimento di tutta la tua comunicazione

Qui arriviamo al momento in cui potrei cominciare una lunghissima e noiosa dissertazione sul perché una pagina sui social non può in nessun modo sostituire un sito web.

“Che c’entra?” – dirai tu.
C’entra, c’entra!

Una delle cose più frustranti per una persona abituata a orientarsi grazie alle informazioni sul web è non trovarle, o trovarne di confusionarie e/o incomplete.

I social network sono la patria indiscussa delle informazioni confusionarie.

Foto di ragazza arrabbiata al pc

Non me ne vogliano i social media manager, ma i social, per loro costituzione naturale, non sono organizzati per ospitare informazioni strutturate, anche se ogni giorno continuano a cambiare per provarci (e facendolo continuano a confondere gli utenti che le utilizzano).

Perché mai dico questo? Prendi in considerazioni queste evidenze:

  • Il modo naturale in cui un social network funziona è la pubblicazione di un flusso cronologico di contenuti
  • Non si possono, o è molto difficile, creare collegamenti tra le sezioni e le informazioni
  • i contenuti sono sempre vincolati a questo o quel formato, e il modo per venire a conoscenza di una cosa piuttosto che un’altra è determinato dal caso, o da un algoritmo.

Insomma, sui social non c’è modo di controllare davvero che quello che pubblichi sia chiaro e inequivocabile per chi ti segue. I tuoi utenti perderanno facilmente i tuoi aggiornamenti, o li dovranno cercare disperatamente. La comunicazione che otterrai dai social network ha il valore di una bacheca sovraffollata di bigliettini appesa in qualche portone.

Il sito, invece, è fatto per creare una struttura ordinata e completa di informazioni, contenuti e soluzioni percorribili per i tuoi utenti. E tanto più sarà fatto bene, tanto più i tuoi utenti saranno attratti da te.

Nel sito web hai il controllo e puoi organizzare le informazioni in maniera chiara e funzionale

Foto di costruzione struttura di sito web

Indirizzi e metodi di contatto, informazioni essenziali della vita dell’attività, offerte commerciali, contenuti speciali o specialistici, foto, testi, video, integrazioni, approfondimenti e COLLEGAMENTI: questo è quello che puoi e che devi ospitare sul tuo sito web.

Organizzare le informazioni della tua attività nella maniera più funzionale per il tuo utente ti permette di:

  • ridurre al minimo le incomprensioni (che sono poi quelle che fanno allontanare i clienti)
  • rimandare al sito ogni dubbio o domanda dei tuoi utenti/clienti
  • farti conoscere e farti contattare solo quando si è convinti di aver bisogno di te
  • non perdere tempo, quindi, a spiegare ogni volta chi sei, cosa fai, come e per chi
  • essere apprezzato/a per la tua chiarezza e per la trasparenza della tua comunicazione, che è sempre parte fondamentale del tuo servizio/prodotto.

Nessun social network ti permette di costruire la tua informazione così come vuoi. Facebook o Instagram sono sicuramente indispensabili per mantenere un vivace scambio con le persone che ti seguono, ma se qualcuno è veramente interessato a te, ti cercherà nel tuo sito web.

4) Un sito web serve a informare, affermarsi, vendere

Foto di ragazza che sorride alla scrivania

Solo a questo punto possiamo dire che il sito web serve a informare, affermarsi, vendere.

Se qualcuno ha cercato e ti ha trovato sul web, si spera intanto che il suo ingresso nel tuo sito web sia stata un’esperienza utile e piacevole (e qui siamo nel campo della User Experience).

Se il primo impatto con la tua casa digitale è stato incoraggiante, il tuo visitatore continuerà a navigare alla ricerca di approfondimenti riguardo quello che fai, vendi o offri, e se ti troverà affine alle sue esigenze sarai sicuramente a un passo dall’essere valutato/a e, probabilmente, scelto/a!

Quando il tuo utente rimane nel tuo sito accade finalmente questa magica situazione: tutto parla per te. Pagine, immagini, contenuti e informazioni presentate chiaramente preparano il terreno al tuo prossimo incontro con il visitatore che sta già valutando se fidarsi di te. Quando ti chiamerà ne saprà abbastanza, dovrà solo compiere quelle ultime, piccole decisioni che lo trasformeranno in un tuo cliente, o assistito.

In altre parole, il sito ha lavorato per te: ha permesso che venissi conosciuto/a (e riconosciuto/a), ha attirato il tuo tipo di cliente, lo ha fatto fidare di te e ha venduto il tuo prodotto. Che altro potresti desiderare di più?

5) Un sito web serve a nutrire il rapporto e fidelizzare la tua clientela

Foto di ragazza che sorride guardando il suo smartphone

Infine, dopo aver accolto i clienti, informati e serviti, il sito ti aiuta anche a mantenere i rapporti con loro e a rimanere “amici”. In che modo?

  1. Il sito continuamente aggiornato dimostra che ci sei e che curi il rapporto con chi ti segue.
    Se qualcuno ti ha scoperto dal web o si è reso conto che dal tuo sito ottiene sempre le informazioni che gli servono, continua a seguirti da lì. Non ti tempesta di telefonate ad ogni dubbio, non ha bisogno di chiederti mille volte se “fai questo o quello”. Il sito continua a “parlare per te” e fa risparmiare tempo, moltissimo tempo, a te e ai tuoi clienti.
  2. Approfondimenti e notizie tramite il blog dimostrano quanto sei sempre sul pezzo e accrescono la tua autorevolezza nel settore.
    Il blog ha questa speciale capacità: mantiene viva e fresca la relazione con il cliente con nuovi e utili contenuti che, inevitabilmente, lo riporteranno a servirsi di te per nuovi progetti o necessità.
    Non dare mai per scontato che i tuoi utenti conoscano la tua professione, il tuo prodotto o il tuo servizio: ci sono infinite cose di cui è all’oscuro e che non sa che esistono.
    Distinguerti dall’offerta sul mercato vuol dire questo: non vendere lo stesso prodotto, quanto un servizio di alta competenza e affidabilità
  3. Collegamento con i social network
    Come vedi, non sono una detrattrice dei social network. Le reti sociali servono eccome: sono degli ottimi AMPLIFICATORI e strumenti utilissimi per mantenere vivo il contatto con gli altri, ma il sito web deve essere sempre la tua casa base.
    Gli utenti possono conoscerti dai social e devono ricevere degna accoglienza sul tuo sito, oppure partire dal sito ed essere invitati a seguirti sui social dove la comunicazione è più fluida e frizzante.
  4. Presenza di una newsletter
    La newsletter è uno strumento che non dovrebbe mai mancare nella propria cassetta d’attrezzi del marketing. Ottenere l’email di una persona interessata a te è una immensa opportunità di farsi conoscere e permettere all’altro di conoscerti davvero.

    Ma questo ce lo raccontiamo in un altro post (o nella mia newsletter!!)..

Che ne pensi? Ti ho convinto della convenienza assoluta di avere un sito web? Se sì, commentami, condividimi, contattami.. che ne parliamo!

A presto, Paola

Ti va di condividere?

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti interessa altro?

Post correlati

Iscriviti alla Newsletter

.